Allevamenti

Home / Allevamenti

Allevamenti

Le infezioni crociate rappresentano un problema particolarmente sentito negli allevamenti. Gli animali sono continuamente esposti ad infezioni e malattie che hanno un impatto negativo sul benessere, la crescita e la produttività dell’allevamento. La contaminazione può infatti derivare da molteplici fonti, tra cui: il locale stesso, la contaminazione trasportata dal precedente lotto di animali, l’acqua di abbeveraggio, la presenza di Biofilm nelle tubature, i mangimi per gli animali (principalmente a causa di tossine fungine e proliferazione batterica), la contaminazione dell’aria, dall’esterno o dalle particelle interne; la trasmissione meccanica operata da veicoli, lavoratori e visitatori che entrano nei locali. Solitamente queste problematiche richiedono un notevole impiego di antibiotici, che si traduce in elevata spesa e con un forte impatto sulla salute del consumatore. Inoltre, gli allevamenti biologici sono soggetti a norme rigorose che limitano le possibilità di combattere le malattie tra gli animali e aggiungono ulteriore pressione quando si tratta di garantire la salute dell’animale stesso.

Usi di Ecas4-Anolyte

  • Trattamento dell’acqua di abbeveraggio e del mangime animale
  • Sanitizzazione delle superfici e delle attrezzature
  • Disinfezione dell’aria per nebulizzazione

Vantaggi

  • Soluzione a pH neutro, che non modifica le caratteristiche di potabilità dell’acqua trattata, e fornisce elevate garanzie in merito ad eventuali problemi di corrosione delle condutture metalliche
  • Forte potere disinfettante anche in presenza di Biofilm riuscendo a penetrare all’interno della membrana cellulare dei microrganismi target
  • L’Ecas4-Anolyte combatte gli agenti patogeni e altri microrganismi più efficacemente dell’ipoclorito di sodio, dell’ozono o di altre sostanze chimiche aggressive
  • Riduzione della mortalità animale
  • Animali più forti e robusti
  • Miglioramento del Feed Conversion Ratio (FCR)
  • Del tutto innocuo per le persone e l’ambiente
  • Drastica riduzione dell’uso di antibiotici